Archivio

0

Al CVCP nasce il progetto “Vela e Handicap”

Con il 2009 il CVCP si apre a nuove importanti iniziative tese a sviluppare temi di carattere sociale legati allo sport della vela.

In particolare il nostro Club si è fatto promotore del progetto denominato

“ il mare, la vela ed il portatore di handicap: un intervento riabilitativo e di inserimento sociale attraverso lo sport della vela ”

che si avvale della importante collaborazione della “Associazione genitori di bambini portatori di handicap” e della Associazione “Ali sul Mare” rivolto ad utenti con disabilità psicofisica ed ai loro genitori.

Il percorso si articola nel periodo compreso tra aprile e novembre, su due livelli: uno formativo e l’altro esperienziale, e si integra perfettamente con gli scopi statutari del CVCP che in primo luogo prevedono la attività di promozione della vela.

Gli obiettivi generali che il progetto si prefigge di raggiungere sono:

1. riduzione del pregiudizio legato alla malattia psicofisica;

2. realizzazione di un intervento formativo/esperienziale e di una riabilitazione sociale attraverso lo sport della vela;

3. creazione di un contesto di intervento e apprendimento in cui il sistema tecnico (istruttore), quello familiare (utenti e famiglie) ed il CVCP (operatori e volontari) possano condividere la stessa esperienza attraverso la conoscenza della vela e del mare come mezzo e metafora del processo terapeutico riabilitativo e di integrazione sociale;

4. miglioramento della qualità della vita degli utenti e dei loro familiari;

5. costituzione di un gruppo “vela e disabili” stabile.

 

Il progetto si attende in generale il miglioramento dell’autostima e di autorealizzazione attraverso il raggiungimento del senso di responsabilità e della capacità di risoluzione dei problemi all’interno del gruppo, un potenziamento dell’autocontrollo e dell’autorealizzazione.

Il progetto si attende, più nello specifico:

riduzione del senso di solitudine e di mancanza di riferimenti obiettivi; la possibilità e l’occasione di crescere, cambiare ed emozionarsi; riuscire ad accettare e condividere i propri limiti e le regole del gruppo (la barca come contenitore e individuazione di ruoli); la capacità di produrre cambiamenti e influire sull’ambiente con il proprio supporto; migliore apertura, socialità ed accettazione dell’altro da parte del singolo utente; migliore apertura, socialità ed accettazione da parte della società.

L’iniziativa prevede la partecipazione di istruttori formati in aula da insegnanti di sostegno e medici del settore sul tema della disabilità psicofisica e sul processo riabilitativo psicosociale con esperienze pratiche in mare che prevedono che i genitori possano seguire sul gommone appoggio l’attività dei figli.

La barca a vela quindi come “acceleratore” delle dinamiche sociali positive, come potenziamento delle abilità psicomotorie quali l’equilibrio, la coordinazione e l’orientamento spazio temporale che nasce dalla comprensione delle dinamiche tra mare, vento e direzione, per il miglioramento delle abilità cognitive quali la percezione, l’attenzione, la concentrazione e la memoria, il riconoscimento delle proprie emozioni ed il loro controllo.

Le esperienze verranno documentate attraverso foto, filmati e testimonianze degli utenti e dei genitori.

Buon lavoro quindi a tutti gli aderenti al progetto.

Comments

There are no comments yet.

Leave a Reply

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*

© CVCP - Club Velico Castiglione della Pescaia. P.iva 00955940531. All rights reserved.